Go Go Tales

4dbdfe543392205fc332d3fbaa464e26.jpgAbel Ferrara gira a Cinecittà la sua ballata folle e decadente. Dopo un tour nei vari festival (compreso Cannes 2007), approda sul grande schermo. Un locale dal potenziale pressoché infinito è sull’orlo della chiusura grazie alla cattiva gestione del proprietario. Il gommoso/faccioso Willem Dafoe, viso anti botox per eccellenza, è in combutta col contabile e sperperano le entrate puntando al lotto e alla lotteria (si segnala una Romina Power con pettinatura cotonatissima a condurre l’estrazione del secolo).
 
Le ragazze che danzano la lapdance sono bellissime, moderatamente finte, poco silicone anzi, Abel Ferrara sceglie corpi quasi efebici, tutte dotate di talenti alternativi messi in scena una volta la settimana a uso di improbabili, inesistenti talent scout. Parata di attori nostrani: Asia Argento (sorpresa: in inglese recita meglio che nell’idioma italico ma come ballerina lascia un po’ perplessi) Stefania Rocca interpreta una furbastra ambiziosa che seduce il produttore (Andy Luotto), Justine Mattera è la minimarylin, Bianca Balti la virago irraggiungibile. Riccardo Scamarcio il gesticolante che borbotta frasi sconnesse.
 
Altri volti noti: Anita Pallenberg la terribile/terrificante proprietaria del locale, Bob Hoskins lo chaperon rabbioso, Matthew Modine il fratello riccastro, Burt Young, Lou Dillon e molte altre facce da cinema che riconoscerete. Raffazzonato, verboso eppure sottilmente morboso, arrabbiato e sempre in bilico tra la caduta rovinosa e il guizzo autorale e per quanto detestabile, criticabile  possa essere il cinema di Ferrara anche nelle sue punte più sciatte, riesce sempre a dire qualcosa  anche quando sbaglia film nei toni e nella regia.
Go Go Talesultima modifica: 2008-06-27T10:10:00+00:00da regina_pigra
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Go Go Tales

Lascia un commento